Nuovo Prosciutto di Parma Ferrarini Visualizza ingrandito

Prosciutto di Parma Ferrarini

Nuovo prodotto

Prosciutto di Parma Ferrarini

Maggiori dettagli

500 Articoli

2,60 € tasse incl.

Dettagli

100% Naturale!
Un prodotto 100% italiano e 100% naturale, perfetto per un’alimentazione sana ed equilibrata poiché è un prosciutto crudo senza conservanti. Solo carne di suino italiano, l’abilità dei maestri salatori e l’aria asciutta e delicata delle colline del territorio, questi i pochi semplici ingredienti per un’inconfondibile dolcezza e gusto. Il Prosciutto di Parma è quindi naturalmente un prosciutto crudo senza glutine, senza lattosio, senza polifosfati.

Cosa significa DOP?
Il Prosciutto di Parma è DOP. Con la dizione Denominazione di Origine Protetta si designano quei prodotti legati in modo univoco alla zona geografica di cui portano il nome. Essi sono caratterizzati da specifiche condizioni: la produzione delle materie prime e la loro trasformazione fino al prodotto finito devono avvenire nell'ambito della regione delimitata di cui il prodotto porta il nome; la qualità o le caratteristiche del prodotto devono potersi ricondurre all'ambiente geografico del luogo di origine, con tale definizione si intendono i fattori naturali e umani quali il clima, la qualità del suolo e le conoscenze tecniche locali.

Da dove arrivano le materie prime?
Quello che viene selezionato per il Prosciutto di Parma DOP è un maiale tutto speciale: nato e allevato in 10 regioni del Centro-Nord Italia (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise), alimentato con cibi di qualità (granoturco, orzo, siero derivato dalla produzione del Parmigiano Reggiano DOP), di oltre 9 mesi d'età e pesante mediamente 160 Kg. Solo in presenza di questi requisiti, certificati dalla documentazione e dal tatuaggio apposto dall'allevatore, può essere introdotto nel circuito del Parma

Perché si usa l’osso di cavallo per controllare il suo profumo?
Al termine del processo di stagionatura si effettuano le operazioni di sondaggio, un esame di tipo olfattivo che vede la penetrazione, in vari punti della massa muscolare, di un ago di osso di cavallo, materiale che ha la particolarità di assorbire gli aromi del Prosciutto di Parma, per poi riperderli con grande rapidità; in questo modo nella penetrazione nel successivo prosciutto assorbirà solo i suoi aromi. L'ago viene 'annusato' da esperti addestrati a riconoscere e valutare le caratteristiche olfattive, per stabilire il buon andamento del processo produttivo e il rispetto della peculiare dolcezza.

Come devo tenerlo in frigorifero e per quanto?
Il Prosciutto di Parma aperto in vaschetta non va conservato utilizzando pellicole impermeabili perchè se ne impedisce la traspirazione e, di conseguenza, si accelerano i processi di alterazione microbica (muffe incluse); occorre pertanto lasciarlo nella confezione e consumarlo entro 36/48 ore dall’apertura.

Per conservare il prosciutto crudo appena affettato è consigliabile avvolgerlo in carta monouso e consumarlo entro 36/48 ore.

Che cos’è la sugnatura?
La sugnatura svolge la funzione di ammorbidire gli strati muscolari superficiali evitandone l’asciugamento troppo rapido rispetto a quelli interni, pur consentendone la perdita di umidità. La sugna non è considerata un ingrediente dalla legislazione italiana, trattandosi quindi di un prodotto della macellazione, è completamente naturale e non contiene alcun tipo di conservante.


La Tirosina, vuoi saperne di più?
Le formazioni bianche di aspetto e consistenza gessosa che si possono incontrare sulla superficie di taglio dei prosciutti, stagionati oltre 17-18 mesi, sono granuli di tirosina, un amminoacido presente nella carne. Durante la stagionatura per effetto della naturale scissione (proteolisi) delle proteine, si liberano i peptidi e gli amminoacidi che le compongono. Tra questi aminoacidi, la tirosina, causa riduzione dell'acqua in stagionatura, precipita cristallizzando, producendo i cosiddetti «cristalli di tirosina».
Questi "gessetti" non sono assolutamente dannosi, anzi sono indice di qualità e di stagionatura con effetti molto posistivi sull'aroma e il sapore.